ragazza-imbronciata

Scrivere, che fatica!

Posso affermarlo, confermarlo e rimarcarlo all’infinito: a volte la passione non basta.

Per quanto ami il mio lavoro e desideri portarlo avanti nei secoli a venire, devo ammettere che il blocco dello scrittore ai tempi del web 2.0 è ancora più deleterio di quanto non lo fosse cent’anni fa. A differenza dell’era cartacea, il mondo digitale viaggia a ritmi serratissimi: i post si sovrappongono, le novità si susseguono e attendere che la nostra musa torni a palesarsi può essere a dir poco letale per la reputazione online.

Ecco perché un piccolo ausilio dal web non guasta mai, per dare al blogger in crisi quella spintarella che serve a ritrovare la perduta ispirazione e sfornare post sempre originali anche quando la mente è una tabula rasa. Ecco i tre miracolosi strumenti per blogger che mi hanno salvato la vita e che qualsiasi web writer dovrebbe sempre tenere a portata di click:

Blog topic generator di HubSpot

hubspot-topic-generator

HubSpot è sempre dalla parte di chi scrive. Il colosso americano non solo lavora con i blogger, ma anche per i blogger. I geniacci dell’inbound marketing, tra i tanti, hanno ideato un tool che è una manna dal cielo per chi non sa proprio di quale argomento parlare nel suo prossimo articolo, o ancora peggio non riesce a organizzare i pensieri per dare la giusta direzione al proprio calendario editoriale.

A partire da tre parole chiave (potete addirittura inserire delle buzzword casuali), Blog Topic Generator crea cinque titoli accattivanti e ti serve su un piatto d’argento il calendario editoriale della settimana. Più ispirazione di così…

Zenpen

zenpen

Sembra assurdo, ma anche la barra degli strumenti di formattazione di Office può essere letale per la concentrazione.

Sto scrivendo quest’articolo proprio da Zenpen e devo ammettere che mai nome fu più azzeccato per un tool online. Si tratta sostanzialmente di un editor di testo semplificato al massimo, che consente di poter scrivere liberamente dal browser “a centro pagina” senza nulla intorno. Candido come la neve.

La grafica ultraminimale e lo schermo totalmente bianco annullano davvero ogni distrazione. E per dimenticare le 35 tab aperte sul browser è possibile anche abilitare la funzione full screen.

Stock photos (that don’t suck)

sea-waves

Un’immagine vale più di mille parole. E come può un articolo essere indimenticabile senza una foto accattivante ad accompagnarlo? Molto spesso i blogger costruiscono un post proprio a partire da una foto che li ha particolarmente ispirati. Non per niente il visual storytelling sta prendendo piede ovunque nel web.

Nella giungla internettiana si annidano milioni di immagini ispiranti, ma ahimè, quasi tutte non sono riutilizzabili gratuitamente. Per evitare di dover riciclare fino alla morte le odiose e pessime stock photo che Google ci offre, esistono dei siti web che raccolgono immagini di alta qualità non coperte dal diritto d’autore, quindi tranquillamente “riciclabili” per i nostri blog. Su Stock Photos that don’t suck potete trovarne una lista completissima. Il mio preferito è PicJumbo.

E ora che avete titolo del post, oasi felice in cui scriverlo e immagini mozzafiato per arricchirlo, ecco che la passione può finalmente entrare in gioco. E, a dirla tutta, è l’unico strumento davvero irrinunciabile.

Buona scrittura!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *